........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 
YouTube player

All’Ikea di Corsico nasce una casa per donne profughe con figli: il progetto solidale di accoglienza #adessonews

Era la sede degli uffici Ikea di fianco allo store di Corsico, diventa una casa per donne profughe con figli. Il progetto nasce da una collaborazione fra il gigante dei mobili fai da te Ikea e Fondazione Progetto Arca, che si occupa dell’accoglienza a migranti e persone in difficoltà. Il “Second Life Building”, spazio polifunzionale nato dalla collaborazione con istituzioni locali ed associazioni attive sul territorio, è stato inaugurato oggi.

(fotogramma)

Il primo piano dell’edificio sarà dedicato all’accoglienza di una ventina di persone rifugiate e profughe, in particolare nuclei madre/figli, contribuendo a fornire loro il calore di una casa ma anche strumenti di integrazione sociale, come la possibilità di accedere a corsi di italiano e l’inserimento a scuola per i bambini. Quando non ci saranno più i profughi ucraini, l’accoglienza sarà per altre famiglie immigrate. Per due anni lo gestirà Fondazione Progetto Arca che ha impostato il luogo pensando ad accogliere le persone in difficoltà e supportarle nel percorso di rinascita. I posti letti sono per ora una ventina, divisi in mini appartamenti, nei quali ogni famiglia può conservare la sua intimità.

(fotogramma)

Il sindaco di Corsico, Stefano Martino Ventura, approva l’iniziativa: “Molti comuni si sono attivati per organizzare raccolte di generi alimentari e di primo soccorso per il popolo ucraino nel momento dell’inizio della guerra. Poi l’attenzione mediatica è lentamente calata su un conflitto che continua così dolorosamente alle porte dell’Europa. In questi mesi abbiamo continuato a lavorare per creare luoghi di accoglienza. Lo abbiamo fatto al centro sociale Curiel con un progetto per i bambini Ucraini, lo facciamo oggi per le famiglie ucraine grazie a questo nuovo progetto in cui abbiamo creduto fin da subito. Continueremo a lavorare, anche in collaborazione con le imprese, per creare luoghi e momenti di crescita sociale e collettiva”. Elena Galli, assessora alle Politiche Sociali, aggiunge: “Accogliere chi scappa dai conflitti, offrendo un luogo dove rivivere una normalità perduta e recuperare serenità, relazioni familiari e amicali è un nostro dovere di cittadini del mondo quali tutti noi siamo. Avremo sempre più bisogno di questi progetti in un’ottica di collaborazioni privato terzo settore e pubblico, dal momento che il bisogno della casa rimane in crescita, non solo per chi scappa da una guerra, ma anche per chiunque vive in situazioni di fragilità sociale ed economica. E solo attraverso queste sinergie possiamo costruire nuove case di questo genere”.

(fotogramma) Ikea non è nuova a questi interventi sul territorio: in 10 anni ha voluto realizzare oltre 750 progetti di accoglienza in Italia e nel milanese, in particolare negli ultimi due anni sono stati riqualificati, in collaborazione con la cooperativa sociale La Cordata e Opera di San Francesco, 35 appartamenti per ospitare famiglie in difficoltà economica e sociale. Questo spazio a Corsico è la nuova sfida. Inoltre nel piano terra della palazzina, grazie alla collaborazione con So.De – Social Delivery – il primo delivery milanese sociale, solidale e sostenibile – in autunno si trasformerà in un hub di consegna di pacchi leggeri (sotti i 30kg) tramite cargo bike. Dopo la sperimentazione a Milano per la consegna dei pacchi leggeri a casa dei clienti, il marchio svedese ha deciso di rafforzare il suo impegno per una logistica più sostenibile e di far fare percorsi di formazione e inclusione lavorativa a persone con storie di fragilità e marginalità sociale.

“Siamo felici di poter mettere a disposizione un nostro edificio e le nostre risorse per vedere nascere uno spazio polifunzionale, dedicato non solo all’accoglienza ma anche all’imprenditorialità sociale. – spiega Asunta Enrile, Country Manager di IKEA Italia – . Questo progetto si pone in linea con la volontà di espandere ulteriormente i confini della nostra strategia People & Planet Positive, in un’ottica di sempre maggiore collaborazione e co-creazione con istituzioni, associazioni e imprenditori sociali, creando una rete ampia e ispiratrice per progettualità in grado di generare un valore aggiunto nelle comunità in cui operiamo”. Contento anche il presidente di Fondazione Arca, che da Ikea aveva avuto anche un aiuto concreto per allestire un guardaroba solidale nello spazio di accoglienza di Baggio: “E’ motivo di orgoglio e promessa di impegno essere partner in prima linea di questo innovativo progetto di accoglienza, in cui siamo pronti a portare con competenza e passione l’esperienza e il lavoro quotidiano delle nostre equipe sociali per dare un sostegno concreto ai nuclei mamma-bambino che vivranno in questa nuova casa”.

(fotogramma)

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://milano.repubblica.it/cronaca/2022/09/15/news/migranti_ikea_corsico-365796820/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 
Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.